Crea sito

Accendere la griglia a legna

Per accendere un buon fuoco per griglia bisogna tenere presente il principio base della combustione, Tendenzialmenete ci si preoccupa solo del combustibile (legna, carta, inutili e puzzolenti additivi) e non si tiene a considerazione il comburente (l'ossigeno). Per aumentare l'azione del comburente, indispensabile per la combustione, si può agire principalmente in due modi: aumentare la superficiie del combustile rispetto alla massa o aumentare il flusso dell'aria che apporta più ossigeno.
Abbandoniamo la scienza (chimica o fisica?) e torniamo a noi. E' inutile pensare di iniziare con pezzi di legna spessi o fittamente accatastati: non c'è abbastanza aria perchè il fuoco prenda.
Normalmente io inizio a bruciare le cassette di legno senza romperle troppo (addirittura quelle piccoline le lascio intere) aiutata con pezzi di giornale.

Le cassette lasciano degli spazi di vuoto per permettere l'aria di entrare all'interno della combustione. Inoltre lo spessoore sottile del legno facilita la presa. Per aiutare la fiamma si può leggermente agitare un giornale stando attenti a non esagerare. NON UTILIZZATE IN QUESTO MOMENTO DEGLI ATTIVATORI O DELL'ALCOOL. SEMBRA INUTILE DIRLO MA é ALTAMENTE PERICOLOSO. Se proprio ci tenete, bagnate la legna prima di accendere il fuoco.
Man mano che il fuoco prende aggiungere legna sempre più spessa

Mentre c'è la fiamma alta e si aggiunge piano piano la legna, si può sfruttare l'occasione per pulire il piano di cottura. Si mette il piano sulla fiamma finchè non diventa quasi rosso. Poi passare con una brusca di ferro (se la griglia è molto sporca) e pulirla con dei fogli di giornale

Questo è il momento meno simpatico, non tanto quello della brusca ma quello della pulizia coi fogli di carta. A questo punto può aiutare un oggetto indispensabile: i guanti da muratore. Permettono qualche minuto in più di resistenza al calore

A questo punto, smettere di aggiungere legna. Pian piano il fuoco si spegne e rimangono solo le braci.La griglia è pronta per mettere su le pietanze da cuocere. Le prime volte sarà difficile capire quanda la legna è sufficiente. Magari le prime volte abbondate con la legna, oppure se avete una griglia grande, iniziate a cuocere in un lato con lebraci e dall'altro lato tenete un pò il fuuoco vivo con della nuova legna. Anche qui, per spostare pezzi di legna in parte ardenti, vi consiglio ovviamente l'uso dei guanti

Ci sono altri modi di fare le braci, soprattutto in quantità industriali

Consiglio: attenzione ad utilizzare troppa carta. La carta bruciando diventa leggera e col caldo della brace inizia a volare. Perciò non buttate carta soprattutto durante la cottura per evitare di servire cibi con cenere di giornale!!!!!!!!!!!!!

Nel bosco.......magari dopo piovuto

Fino a qui tutto bene, ma mettiamoci in condizioni peggiori. Se ci troviamo in un bosco, magari con legna un po' bagnata, come fare? Inanzitutto ci vuole un bel po' di pazienza! Bisogna iniziare a mettere i ramoscelli sottili come nella foto per cercare di fare un piccolo falò.
Messi in questo modo hai diversi vantaggi: il fuoco non è a contatto con la terra, il più delle volte umida. Il fuoco, temndendo verso l'alto scalda e asciuga la parte superiore. Bisogna iniziare ad accendere la carta al centro del falò, e aggiungerla poco alla volta quando finisce, in modo che lentamente il fuioco asciuga e attacca sui rami. Incentivare con aria, ma leggera in modo da non spegnere l'esile fiamma.
Appena prende avvicinare altri rami da i più sottili ai più grossi.  Le braci cadono nel fondo e asciugano la base, permettendo il formarsi del focolare e il contenimento delle braci. Pulire la griglia con la solita brusca di ferro